fbpx
CooperativaArcade_calendario_bn
iscriviti

Il corso offre un approccio ampio, che permette di interpretare la chiave comune delle patologie nello sport, arrivando comprendere cosa può predisporre l’atleta all’infortunio acuto o a sviluppare una patologia cronica, sulla base delle più recenti ricerche scientifiche riguardanti le alterazioni dei riflessi di aggiustamento posturale e sulle cause che possono provocarle, aprendo una nuova visione sul concetto di postura e sulla sua funzione nella prestazione sportiva. Questo bagaglio di strumenti permetterà al professionista non soltanto di saper trattare le patologie dei propri pazienti sportivi, ma anche e soprattutto di saperli preservare dagli infortuni aiutandoli ad ottimizzare la propria prestazione, attraverso una riduzione del costo energetico necessario al compito di controllo e mantenimento dell’equilibrio, con una conseguente maggiore efficienza del gesto sportivo. Si vuole dare al professionista la chiave di lettura per saper interpretare l’origine della patologia che il suo paziente sportivo presenta, focalizzando l’attenzione sulle cause e offrendo protocolli di trattamento rapidi per risolvere le situazioni acute e croniche.

Crediti ECM: 50

 Date del Corso

30 gennaio – 2 febbraio 2020

Il Corso è rivolto a

Fisioterapisti e studenti di fisioterapia al 3° anno, Massofisioterapisti equipollenti (DM 27 luglio 2000), Osteopati e studenti in osteopatia al 5° e 6° anno, Medici

Orario

Tutte le giornate di corso
dalle ore 9.00 alle ore 17.30 circa

Quota di Partecipazione

€ 640,00 (IVA compresa).

Pagamento

Unica Soluzione

Docenti

CooperativaArcade_Lombardozzi

Massimo Lombardozzi

curriculum
Programma e Contenuti

OBIETTIVI

Ciascuno sport comporta un tipo di stress differente, associato alla specificità del gesto e, all’interno di una stessa disciplina, sportivi di vari livelli possono andar incontro a  modalità di trauma differenti, acuti o cronici.

Abilità che il corso di osteopatia nel trattamento e nella prevenzione delle lesioni degli sportivi, pretende di trasmettere ai professionisti che partecipano alla formazione:

  • Trattamento di patologie acute e croniche
  • prevenzione degli infortuni
  • ottimizzazione della prestazione sportiva
  • Saper gestire in modo rapido ed efficace le principali patologie che colpiscono gli sportivi di ogni tipo, amatori, dilettanti e professionisti: lesioni traumatiche, come le distorsione di caviglia, traumatismo del ginocchio con interessamento meniscale, pubalgia, periartrite scapolo omerale, epicondilite, sindrome del tunnel carpale, fascite plantare, sindrome dello sperone calcaneare e diverse altre patologie saranno abbordate nel corso.

PROGRAMMA DEL CORSO

1º giorno mattina

  1. Arto inferiore
  2. Distorsione tibiotarsica in inversione-eversione: fisiopatologia e protocollo di trattamento

1.1 La biomeccanica delle distorsioni tibiotarsiche

1.2 Articolazione sub talare. Disfunzioni, test e trattamento

1.3 Disfunzioni di Perone. Test e trattamento

1.4 La coppia cubo-navicolare. Disfunzioni, test e mobilizzazione articolare

1.5 L’astragalo. Disfunzioni, test e mobilitazione

1.6 Trattamento dei legamenti e fascia tibio peroneale

 1º giorno pomeriggio

  1. Distorsione Medio tarsica (Chopart): fisiopatologia e protocollo di trattamento

2.1 La biomeccanica della distorsione medio tarsica

2.2 Trattamento dell’astragalo (anteriore-posteriore)

2.3 Mobilitazione articolare del cuboide

2.4 Mobilizzazione congiunta del navicolare

  1. Sperone calcaneare: anatomia, fisiopatologia e protocollo di trattamento

3.1 Biomeccanica nella patologia degli speroni calcaneari

3.2 Tecniche di riprogrammazione dell’appoggio plantare

3.3 Trattamento della fascia plantare 

2º giorno mattina

  1. Ginocchio. Lesioni meniscali acute e croniche: diagnosi differenziale tra lesioni di interesse chirurgico e disfunzioni meccaniche, patofisiologia e protocollo di trattamento

4.1 La biomeccanica delle lesioni meniscali

4.2 Ginocchio – valutazione clinica

4.3 Sublussazione meniscale – valutazione e trattamento

4.4 “I piccoli parametri” nel ginocchio,

2º giorno pomeriggio

  1. Bacino

5.1 Pubalgia (alta e bassa) – fisiopatologia, relazioni biomeccaniche. Protocollo di trattamento

5.1.1 La biomeccanica disfunzionale della pubalgia

5.1.2 La cintura pelvica, valutazione posturale

5.1.3 La cintura pelvica, mobilizzazione

5.1.4 Pube anteriore. Test e trattamento

5.1.5 Pube posteriore. Test e trattamento

5.1.6 Trattamento delle catene muscolari nella pubalgia

 

3º giorno mattina

  1. Coxo-femorale – fisiopatologia, relazioni biomeccaniche e protocollo di trattamento

6.1 La biomeccanica delle disfunzioni dell’anca

6.2 Valutazione clinica

6.3 Trattamento delle lesioni più frequenti

6.4 I muscoli pelvi-trocanterici. Valutazione e trattamento

6.5 Il muscolo iliaco psoas. Valutazione e trattamento

3º giorno pomeriggio

  1. Membro superiore
  2. Cuffia dei rotatori: fattori biomeccanici, relazioni anatomiche, fisiopatologia e protocollo di trattamento

1.1 Fattori biomeccanici e congeniti nella patologia della cuffia dei rotatori

1.2 Articolazione gleno-omerale. Valutazione e trattamento clinico

1.3 Articolazione acromioclavicolare. Valutazione e trattamento clinico

1.4 Articolazione sterno-clavicolare. Valutazione e trattamento clinico

1.5 Articolazione scapulo-toracica. Valutazione e trattamento clinico

1.6 Disfunzione cervicale e toracica vs lesione della cuffia dei rotatori. Valutazione clinica e mobilizzazione

 4º giorno mattina

  1. Epicondilite: relazioni anatomiche, fisiopatologia e protocollo di trattamento

2.1 Aspetti biomeccanici nell’epicondilite

2.2 Giunzione Uero-radiale. Valutazione e trattamento

2.3 Articolazione urocubitale. Valutazione e trattamento

2.4 Trattamento della membrana interosseo

  1. Sindrome del tunnel carpale: fattori biomeccanici, relazioni anatomiche, fisiopatologia e protocollo di trattamento

3.1 Relazioni biomeccaniche nella sindrome del tunnel carpale

  1. 2 Il lungo muscolo palmare. Valutazione e trattamento

3.3 Il legamento carpale trasversale. Valutazione e trattamento

3.4 Articolazione radiale carpale. Test e trattamento

 4º giorno pomeriggio

  1. La colonna cervicale
  2. Anatomia e fisiologia della colonna cervicale;
  3. Biomeccanica vertebrale della colonna cervicale;
  4. Anatomia palpatoria della colonna cervicale;
  5. Disfunzioni della mobilità del rachide cervicale, fisiopatologia clinica e diagnosi differenziale;

4.1. Disfunzioni biomeccaniche, senza interesse discale

4.2. Disfunzioni con interesse discale e mielopatie

  1. Trattamento delle disfunzioni del rachide cervicale

5.1. Test e trattamento delle disfunzioni semplici

tecniche di energia muscolare;

pompages

Tecniche fasciali

  1. Asimmetria posturale nel trattamento e nella prevenzione delle lesioni degli sportivi

 

Specifiche Corso

RESPONSABILE SCIENTIFICO: Massimo Lombardozzi

CONTENUTI TECNICO-PROFESSIONALI: (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica. Malattie rare (18)