La manipolazione vertebrale è una tecnica manuale utilizzata per il trattamento dei disturbi funzionali del rachide. La manipolazione propriamente detta consiste nell’imprimere un movimento passivo (thrust) di piccola ampiezza e alta velocità (High Velocity Low Amplitude – HVLA) ad un segmento articolare vertebrale. L’efficacia di questa terapia è supportata da un’ampia letteratura scientifica ed il suo utilizzo è contemplato nelle linee-guida internazionali per il trattamento del dolore aspecifico del rachide, sia acuto che cronico. La conoscenza delle manipolazioni vertebrali dovrebbe quindi far parte del bagaglio culturale e tecnico del fisioterapista.

L’originalità della Manipolazione Vertebrale Neurocettiva® consiste nel considerare il gesto manipolativo un mezzo per produrre, attraverso la stimolazione di alcuni recettori periferici (articolari, mio-tendinei, osteo-legamentosi ed altri ancora) la propagazione di un picco di afferenze meccanocettive e propriocettive convergenti sul livello midollare target, tale da indurre una risposta riflessa di natura proprio-spinale e sovra-spinale in grado di ripristinare l’omeostasi funzionale nei circuiti senso-motori, sia nel segmento rachideo selezionato che nelle strutture ad esso collegate.

Nonostante i meccanismi di funzionamento alla base del modello della Manipolazione Vertebrale Neurocettiva® siano estremamente complessi, paradossalmente, la gestione dell’atto manipolativo viene ad essere enormemente semplificata.

Il corso di Manipolazione Vertebrale Neurocettiva® prevede una parte teorica (20% delle lezioni) sui meccanismi d’azione della manipolazione vertebrale, sulle indicazioni e le controindicazioni – il tutto basato sulla letteratura EBM, le linee-guida e gli studi delle neuroscienze –, ma il corso è pensato per essere eminentemente pratico (80% delle lezioni); i discenti si dedicheranno quindi, prevalentemente, all’apprendimento delle tecniche manipolative tramite un lavoro hands-on costantemente supervisionato da due docenti. Questo moderno e concreto modello di formazione renderà i partecipanti abili e competenti, fin da subito, nell’utilizzo delle tecniche apprese.

Prima dell’evento formativo verrà inviato agli iscritti una parte del materiale didattico, in modo da rendere più semplice e scorrevole lo svolgimento delle lezioni. Questa innovativa strutturazione didattica, pensata appositamente per i professionisti, prevede successivi incontri di refresh e upgrade (facoltativi) e permette di offrire un corso altamente formativo e qualificante, con tempi di apprendimento ridotti e costi contenuti.

Crediti ECM: crediti richiesti

Consulta il Calendario Corsi

scopri

Il Corso è rivolto a

Medico chirurgo, fisioterapista e Studente di Fisioterapia al terzo anno, Massofisioterapista equipollente (DM 27 luglio 2000)

Orario

Tutte le giornate di corso
dalle ore 9.00 alle ore 18.00 circa

Quota di Partecipazione

€ 360,00 quota finale (IVA esente)

Pagamento

unica soluzione

Docente

luca barni

Luca Barni

curriculum
Programma e Contenuti

Obiettivi del corso

  • Acquisire conoscenze specifiche sui meccanismi neurofisiologici di funzionamento della manipolazione vertebrale neurocettiva (aspetto concettuale)
  • Apprendere il metodo di valutazione delle disfunzioni vertebrali secondo il modello neurocettivo (aspetto clinico)
  • Imparare le principali tecniche di manipolazione vertebrale HVLA e la loro corretta esecuzione (aspetto pratico)

Programma del corso

 1° Giorno

9.00-10.30   Introduzione al corso. Definizione di manipolazione vertebrale. Indicazioni e controindicazioni alla manipolazione. Nozioni di neurofisiologia e biomeccanica (Lezione Teorica)

10.30-10.45 Pausa Caffè

10.45-12.45 Effetti avversi e rischi della manipolazione vertebrale. Linee-guida del trattamento manipolativo vertebrale. Descrizione del modello neurocettivo della manipolazione vertebrale (Lezione Teorica)

12.45-13.45 Pausa Pranzo

13.45-15.45 Manipolazione iliache e sacrali (Lezione Pratica)

15.45-16.00 Pausa Caffè

16.00-18.00 Manipolazione del rachide lombare (Lezione Pratica)

2° Giorno

9.00-10.30   Manipolazione del rachide dorsale; manipolazioni vertebro-costali (Lezione Pratica)

10.30-10.45 Pausa Caffè

10.45-12.45 Manipolazione del rachide cervicale (Lezione Pratica)

12.45-13.45 Pausa Pranzo

13.45-15.45 Manipolazione delle “cerniere”: lombo-sacrale, toraco-lombare, cervico-dorsale, cranio-cervicale (Lezione Pratica)

15.45-16.00 Pausa Caffè

16.00-17.00 Discussione e ripasso delle tecniche apprese (Lezione Teorico-Pratica)

17.00-18.00 Esame pratico

18.00 Compilazione schede di valutazione della qualità percepita. Consegna attestati. Chiusura dei lavori.

Specifiche Corso

RESPONSABILE SCIENTIFICO: Luca Barni

CONTENUTI TECNICO-PROFESSIONALI: (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica. Malattie rare (18)

NOTE TECNICHE: Il corso prevede lezioni teoriche e prove pratiche tra i partecipanti, è quindi consigliabile indossare un abbigliamento comodo